domenica 4 luglio 2010

BALLANDO COI LUPI - I Los Lobos a Roma - Cavea dell'Auditorium 3 luglio 2010


Se con quelle facce lì e con quell'appeal da camerieri dell'Hilton di Città del Messico facessero musica dalle nostre parti, i Los Lobos troverebbero qualche ingaggio solo tra matrimoni in Riviera e qualche festa di paese. Un contratto con una major? Difficile, se non impossibile. Eppure, partiti da lontano, 1973, anno dal quale – recita la t-shirt venduta dal merchandising – offrono un "quality service", i "lupi" sono la band più trasversale e duttile del rock americano. Lo sono per la versatilità dei componenti, gli stessi da sempre, gente che da quando ha esordito su album (dopo anni da vera "wedding band" in quel di east Los Angeles, il primo importante contratto discografico è arrivato a metà anni Ottanta) non ha scelto di stare da una parte ma "ovunque". E lo sono perchè maneggiano chitarroni e hapanguere, Fender Telecaster e fisarmoniche, Gibson Les Paul da rock duro e, se serve, anche il bajo sexto, una chitarra messicana a dodici corde. Alcuni sono strumenti da musica nortena, quella che dall'alto Messico va a mescolarsi con i suoni del South Texas, per formare il "conjunto", impasto che si nutre tanto di folk nordamericano quanto di saltellanti ritmi latini, altri vengono dalla scuola più conosciuta del rock'n'roll e del blues. Tutto porta a un repertorio che può spingersi dalle balere di Tijuana fino agli angoli più lontani di qualche stato amerucano del nord, dove nei bar sulle statali ancora si suonano, e sempre si suoneranno, i pezzi di Hendrix, degli Allman Brothers, di Richie Valens e di Marvin Gaye.


Basta questo a dire che razza di caleidoscopio portano in giro Hidalgo, Rosas, Perez, Lozano e Berlin, e quanti colori sono capaci di spennellare sulle assi nere di un palco. Quello della Cavea, l'accogliente conchiglia incastrata tra i tre enormi gusci disegnati da Renzo Piano per il Parco della Musica a Roma, può essere un palco difficile, difficilissimo se lo si raggiunge nelle condizioni precarie in cui era la band nei primi venti minuti del set. Strumenti e amplificatori presi in prestito a sostituire quelli ancora in viaggio dall'aeroporto al backstage, cavi inseriti all'ultimo minuto, microfoni sistemati alla meglio, livelli sonori da denuncia, che portavano subito qualcuno ad attraversare la platea per cercarsi un posto da dove non si sentisse solo la chitarra ritmica a tutto volume: questo lo scenario che accompagnava le prime tre canzoni. Poi meglio, con gli strumenti - "our instruments", a lungo invocati soprattutto da Cesar Rosas e David Hidalgo, i due chitarristi e vocalist del gruppo - che arrivavano uno dopo l'altro e uno dopo l'altro conquistavano il palco in una inedita dinamica che diventava parte dello show.

Un po' di mestiere, un repertorio che inizialmente ha puntato molto sull'orecchiabilità dei dischi del periodo 84/90, l'amore compiacente di un pubblico non umerossimo ma tenace e fedele, e via, la macchina sonora dei Lobos, partita a ridosso della corsia di emergenza, ha trovato gas e una linea di mezzeria da ingoiare brano dopo brano, in grande velocità, sempre a cavallo tra le origini (il folklore del Barrio) e la via maestra del rock di casa America, dove a far friggere le due, talvolta tre chitarre erano i più bei pezzi tirati (How Will The Wolf Survive) o quei momenti blues (Just A Man) in cui Hidalgo si inventa una voce che si colloca a metà strada tra Winwood e Clapton.


Non si spaventano i cinque losangeleni (più uno, saltuariamente batterista aggiunto quando Perez imbraccia la terza chitarra) ad indugiare sulle parentesi un po' sperimentali della loro carriera (Kiko And The Lavender Moon), sventolano fieri le loro radici (Volver Volver) convinti che siano un po' anche le nostre, ammiccano un po' (l'accenno di Volare che il pubblico sembra ignorare), cavalcano gli hit conclamati (La Bamba) ma non dimenticano le pieghe più ostiche eppure apprezzatissime del loro lungo percorso discografico (La Pistola y el Corazon, dall'album acustico tutto in spagnolo). Fanno tutto questo con una sicurezza e una destrezza che affascinano e lasciano senza parole, lo fanno continuando a sitemare con la mano sinistra un cavo o una tastiera e incitando i presenti a ballare addirittura sul palco accanto a loro.

Non viene in mente un gruppo la cui setlist sia un tale spaccato di vitalità e storia della musica popolare americana. E non c'è stato spazio per alcune delle facce "altre" che i Los Lobos sanno mettersi, altrimenti sarebbero state canzoncine di marca Disney stravolte dal loro genio incontrollabile, o trame di latin rock meno decifrabile di quello mainstream che i più associano a questa band.

Arriva l'estate piena e con lei un tour americano che vedrà il quintetto attezzarsi per festival di ogni tipo (date anche a fianco della rinata Steve Miller Band), frammentarsi nei Los Super Seven, lanciarsi in Crociere del Rhythm'n'blues (va molto, da qualche anno, pagarsi una crociera dove, a cielo aperto e in navigazione, suonano le tue band e musicisti preferiti) e prepararsi alla nuova fatica discografica, Tin Can Trust, il primo "vero" disco in cinque anni, che sarà nei negozi tra un mese esatto, ai primi di agosto, e conterrà una cover dei Grateful Dead.


West L.A. Fadeaway, che i Dead incisero nel 1987 per In The Dark, è il secondo omaggio di Hidalgo e soci alla band di Jerry Garcia. Ci fu Bertha nel 1991, incisa per Deadicated, l'album tributo ai Dead. Quelli erano anni in cui i Los Lobos erano un po' più centrali nel mercato del disco. Venivano dal trittico, forse insuperabile, formato dagli album How Will The Wolf Survive, By The Light of the Moon e In The Neighborhood. L'eco della colonna sonora del film La Bamba non si era spento e un "certo" suono di Los Angeles aveva ancora tutti i riflettori puntati addosso (dai Blasters a Stan Ridgway, tutti stavano ancora con una major).

Oggi le trecento persone raccolte a Roma testimoniano che almeno da noi è rimasto solo lo zoccolo duro ad occuparsi di certe traiettorie della musica della Città degli Angeli. Non c'è nemmeno da scommettere su alcun ritorno di fiamma. Resta confortante però vedere come questa band sui cui dischi si può leggere, prima dei nomi dei componenti, "The Los Lobos still are...", non abbia perso un grammo di quella scioltezza con cui affrontava i palchi vent'anni fa e più, e che c'è un nuovo lavoro dietro l'angolo.

Serve a restare vivi, a dire "ci siamo", a fare la voce grossa nei confronti dei tipi della Rock'n'Roll Hall of Fame. Perchè è davvero strano che questi "ragazzi", che sembrano avere ingoiato il grande libro di tutte le musiche d'America, siano "solo" ricordati nel "salotto delle celebrità" del Rockabilly per la cover di un brano di Ritchie Valens (La Bamba).
Il che può risultare un onore ma anche una insopportabile limitazione per una band così completa.

(grazie a Filippo De Orchi per le foto dei Los Lobos)

12 commenti:

SoloDinamo ha detto...

non posso essere imparziale sui Los Lobos ! Li conosco dal 1985, trovo la loro musica affascinante e non capisco perché abbiano avuto così
poco successo. Non li ho mai visti dal vivo, purtroppo, ma possiedo almeno 10-12 loro dischi.
Fenomenali ! Un caleidoscopio musicale.

Anonimo ha detto...

Damn, I musta missed a darn good show!--keep me posted on these killer gigs. See ya soon in Gaeta bro. later,

Saby

Fabio Hot Stuff ha detto...

Impeccabile come sempre, Ermanno, grazie.
Come On Let's go e Evangeline su tutte, le ho attese per 15 anni!!!!
Fabio

Anonimo ha detto...

Hi, I like the design of your site, and the content as well. How can I subscribe to yor site?

Anonimo ha detto...

I have discussed this topic with several people, but I think your opinion on it is the most reasonable.

Anonimo ha detto...

rating airline
swiss economy class
skytrax airline reviews
hotel prices per night
housing register
http://freebooking.50webs.com/

Anonimo ha detto...

dog friendly hotels business hotels, la quinta hotel, hotel rooms cheap hotel accomodation cheap florida hotels, inexpensive hotels, cheap chicago hotels maritime hotel pensione hotel, the george hotel, housing for sale buy viagra buy viagra online no prescription, buy viagra online legally, buy viagra no prescription cheap uk hotels fraser island accommodation, cheap miami beach hotels, cheap stocks

Anonimo ha detto...

dog hotel hershey hotel, reserve hotel, hotel 81, cheap chicago hotel hotel weddings hotel co.uk, hotel ratings, hotel and motel, maldron hotel, 7 star hotel obbah hotel cocca hotel, reserve hotel room, sun bright hotel, hotel free port viagra sale cheap generic viagra, viagra 100mg, generic viagra online housing stimulus bill economy class h, cheap hotels la, find accommodation, staffordshire housing

Anonimo ha detto...

beach hotel deals g hotel, munnar hotels, city hotel deals best hotel deals grace hotel, la quinta hotels, flight and hotel hotel etoiles m hotel, marine hotel, relais hotel buy viagra online buy viagra online from canada, buy cheap viagra uk vietnam airlines booking cheap spa hotels, cheap hotels in pattaya, lake district accommodation

Anonimo ha detto...

Online casino black jack bonus
chicago rent car online casino
directions mohegan sun casino
New online casinos offering no deposit bonuses
online casinos free no deposit bonus
betting ability 30
on internet gambling
online casino winnings tax
century twenty rhyme dothan ala
gambling forums
gambling machines
tennessee lotto results
riverton wyoming gambling age
online roulette gambling
clip successful realm agreeable projects
is online gambling legal us
vegasinsider handicappers top online casino bonus
indiana powerball lottery results
how stop gambling
midway slots online casino
ballys casino atlantic city
Coupon code free money online casinos
vegas online casino free no deposit
lottery post
best online casino bonus
vhat gambling addiction
Signe de l'argent gratuit de poker en ligne jusqu'a
the fallacy online poker gambling
Online casinos free play sign bonus
winning blackjack combination
online pharoah casino slots
newport richey fl gambling boat
silver star casino philadelphia ms

Anonimo ha detto...

lucky 18 casino
casino first time bonus
crazy game of poker live
instant withdrawal casinos
three catch ordinarily vacancy machines casino ammunition
www party poker
welcome bonus casinos
vegas millions online casino
free online slot games stinkin rich
casino gaming stocks
best casino sportsbook reward
hollow cabal repair mechanic
indian casino gambling rules
uninhabited 75 casino cat chips
sports soft-cover betting
casinos
most appropriate online casino sports betting
holy day bingo uk
casino slots racino gambling
casino online slots
safety jackpot
paramount casino sportsbook compensation
no deposit casino hand-out codes portofino
gain victory ben steins gain
schedule las vegas gambling casino
online gambling casino $10 deposits
super lotto bonus california raffle
grand portage bring forward casino
modern casinos no lodge laundry list
new jersey lottery scholarships

Anonimo ha detto...

I love erlab-61.blogspot.com! Here I always find a lot of helpful information for myself. Thanks you for your work.
Webmaster of http://loveepicentre.com and http://movieszone.eu
Best regards